Liquore alla menta fatto in casa

Il liquore alla menta fatto in casa è un preparato rinfrescante e dal colore verde intenso. Perfetto per essere servito come digestivo nelle serate estive.

Liquore alla menta

Liquore alla menta fatto in casa con foglie di menta piperita.


Le piantine di menta in terrazzo

Piantina di menta coltivata in vaso

La menta si presta bene ad essere coltivata in vaso nel terrazzo di casa. La foglie in primo piano sono di menta glaciale.

Primavera a casa nostra è la stagione in cui si piantano le erbe aromatiche e le fragole in terrazzo. Tra le piante onnipresenti, insieme al rosmarino, una delle mie preferite è la menta. Questa pianta (come fra l’altro anche il rosmarino) è ricchissima di antiossidanti e sembrerebbe avere effetti positivi sulla memoria. Io ne ho sempre consumato quantità industriali. Da piccolo utilizzavo lo sciroppo di menta per farci bevande dissetanti, da grande ho imparato ad apprezzare le foglie di menta nel mohito. Sarà per quello che ho una memoria di ferro!

In ogni caso, tutte le cene che organizzo terminano sempre con gli alcolici ghiacciati a fine serata. Quelli che vanno per la maggiore sono il liquore al cioccolato che preparo io, e la specialità di mio papà. Da che ho memoria, ha sempre avuto la passione per la coltivazione dei limoni e, da qualche tempo, è diventato il mio fornitore ufficiale di limoncello. Ultimamente però, il digestivo più gettonato dagli ospiti è il liquore alla menta fatto in casa. Da bravo scienziato ho fatto un vero e proprio studio per trovare la ricetta perfetta. Chimica applicata all’alcol… non serve mica che ve lo ricordi che sono veneto vero?

Prima di andare alla ricetta, non dimenticare di mettere like alla pagina facebook del blog!

La mia ricetta perfetta per il liquore alla menta.

Foglie di menta piperita e menta glaciale

Nel mio liquore alla menta utilizzo un mix di foglie di menta piperita e menta glaciale.

Fare un liquore casalingo con un estratto a base di erbe è facile, bilanciarlo bene è un po’ più difficile. C’è chi sceglie un approccio pratico bevendo innumerevoli bicchierini prima di trovare quello giusto. E poi c’è chi, come me, cerca di bere più a colpo sicuro. NB: nelle righe che seguono dismetterò i panni del foodblogger per parlare un po’ di chimica; se non vi interessa l’argomento potete saltare direttamente a fine pagina per la ricetta.

Le basi su cui ho lavorato per questo liquore alla menta sono 5:

  • Tipo di menta utilizzata. Io faccio un mix tra menta piperita e menta glaciale. La menta piperita ha un aroma molto intenso (non per niente è la più usata) ma a mio gusto è un po’ troppo pungente. La menta glaciale ha un’aroma più tondo anche se meno intenso. Insieme si completano vicendevolmente.
  • Profilo aromatico del liquore derivante dalle molecole estratte durante la fase di macerazione. Il tempo e la temperatura di macerazione vanno a cambiarne moltissimo l’aroma. Generalmente più si lasciano a macerare le foglie di menta, più molecole aromatiche si estraggono e più avremo un aroma pieno (a scapito però del sentore di freschezza). La temperatura ha anch’essa un ruolo importante. Nel caso specifico della menta però, sconsiglio la macerazione a caldo perchè andrebbe a snaturarne l’aroma che siamo abituati a sentire.
  • Percentuale di zucchero. Normalmente nei liquori casalinghi varia dal 20% al 30% e dipende dal gusto personale. In questo liquore io sono rimasto nella media con una percentuale di zucchero del 25%.
  • Gradazione alcolica del liquore.. Di solito si va da 15% vol a 40% vol. Io non amo le bevande alcoliche forti e pertanto regolo la gradazione alcolica del liquore in funzione del fatto che la bottiglia vada o meno in congelatore. Questo preparato alcolico alla menta ha una gradazione di 28% vol. In pratica la gradazione minima che mi consenta di dimenticare la bottiglia nel congelatore della cucina, senza timore di trovarla scoppiata.
  • Punto di congelamento. Zucchero e alcool in una soluzione acquosa contribuiscono entrambi (in proporzioni diverse a seconda del loro peso molecolare) ad abbassare il punto di congelamento della soluzione. Calcolando la molalità della soluzione e moltiplicandola per la costante crioscopica dell’acqua troveremo il punto di congelamento. Normalmente i congelatori domestici sono regolati su di una temperatura di -18°C. Questo liquore alla menta congela al di sotto di -19,5 °C circa.
Liquore alla menta - Asciugare bene le foglie

Per asciugare le foglie è possibile utilizzare una centrifuga per insalata.

Macerare la menta e il limone nell'alcol in un vaso di vetro a chiusura ermetica

Mettere a macerare nell’alcol le foglie di menta e lo zest del limone biologico in un vaso a chiusura ermetica.

Unire l'estratto alcolico di menta allo sciroppo di zucchero filtrandolo con un colino.

L’estratto di menta dopo 10 giorni di macerazione assume un colore verde intenso. Tale colore deriva dalla clorofilla e non dagli oli essenziali della menta (come erroneamente siamo portati a credere).

 

Liquore alla menta
Stampa

Liquore alla menta

Questo digestivo è perfetto per concludere in bellezza una cena estiva.

Piatto Liquori
Cucina Italiana
Preparazione 30 minuti
Porzioni 2000 ml

Ingredienti

  • 50 foglie menta piperita
  • 50 foglie menta glaciale
  • 540 g zucchero
  • 490 g alcol 95% vol (equivalente 600 ml)
  • 1080 g acqua (equivalente 1080 ml)
  • 1 zest di un limone biologico

Istruzioni

  1. Lavare delicatamente ed accuratamente le foglie di menta. Grattugiare lo zest di un limone.

  2. Mettere a macerare nell'alcol, in un contenitore di vetro a chiusura ermetica, le foglie di menta e lo zest del limone. Riporre il contenitore in luogo fresco e buio per 10 giorni.

  3. Dopo 10 giorni di macerazione preparare uno sciroppo di zucchero con le dosi riportate tra gli ingredienti. Mettere lo zucchero nella pentola, aggiungere l'acqua e portare a bollore tenendo mescolato fino a che tutto lo zucchero non sarà sciolto. Lasciar raffreddare la pentola con il coperchio chiuso.

  4. Porre un colino sopra la pentola con lo sciroppo di zucchero. Versarvi sopra l'estratto di menta. Mescolare bene per miscelare l'alcol con lo sciroppo.

  5. Imbottigliare il liquore e lasciar maturare 15 giorni prima di berlo per uniformarne l'aroma.

Note

Il liquore prodotto avrà una gradazione alcolica di 28% vol e un punto di congelamento di -19,5 °C.

Curiosità sulla menta

  • La tradizione popolare ha sempre attribuito alla menta effetti positivi sulla memoria. Recentemente uno studio pubblicato sul Journal of Functional Foods identifica nella menta un alleato nella lotta all’Alzheimer. I biofenoli contenuti negli estratti sembrerebbero infatti avere un ruolo importante nel combattere la demenza tipica dell’Alzheimer. Approfondimento su Ansa Salute.
  • In Italia la capitale della menta è Pancalieri. Questa località si trova a sud di Torino e lì viene coltivata la gran parte della menta piperita in Italia.
  • Un’altra menta “famosa”, oltre a quella di Pancalieri, è la menta del Sannio, utilizzata per la preparazione del famosissimo liquore Strega.
  • Gli oli essenziali della menta sono sostanzialmente incolori (o al massimo arrivano ad essere giallo o verde tenui). Il colore verde degli sciroppi in commercio è ottenuto con coloranti alimentari… Potere del marketing!
  • Il colore verde intenso che acquista l’alcol durante la macerazione del vostro liquore non deriva dagli oli essenziali della menta ma dalla clorofilla presente nelle foglie.

2 Risposte

  1. giovanna ha detto:

    Molto buono l’ho preparato per tanti anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *