Orata all’acqua pazza

L’orata all’acqua pazza è un secondo di pesce tipico della cucina campana e napoletana di mare. Il nome prende origine dall’abitudine dei pescatori di cucinare il pescato con acqua di mare mescolata al vino. Vai subito alla ricetta e alla videoricetta oppure continua la lettura per la presentazione del piatto!

Orata all'acqua pazza

NB: mi piace dialogare con i miei lettori. Usa i commenti per dirmi che ne pensi della ricetta e, se poi vuoi darmi un grande aiuto, contribuisci a far crescere il sito seguendo il mio canale Youtube!

Presentazione

Orata all'acqua pazza

Nella cucina del Sud Italia la preparazione del pesce all’acqua pazza è una cosa piuttosto comune. La provenienza esatta della ricetta e le origini del nome acqua pazza sono piuttosto controverse. A tal proposito esistono diverse teorie che sono legate all’usanza dei pescatori di cucinare il pescato del giorno mescolando vino e acqua di mare (oltre a pomodorini, aglio e prezzemolo). Il vino dona sapore al pesce mentre l’acqua di mare fornisce sapidità. Sul termine “pazza” invece vi sono due correnti di pensiero:

  • una legata ai prezzi “pazzi” del sale che costringeva le fasce più povere della popolazione a limitarne il consumo;
  • l’altra legata al fatto che l’acqua di mare, mescolata al vino, diventa pazza.

Origini del nome a parte, l’orata all’acqua pazza è un piatto di pesce squisito che si prepara in pochi minuti, l’ideale per chi ha poco tempo per stare ai fornelli. Si tratta di una ricetta piuttosto ipocalorica adatta anche a coloro che stanno seguendo una dieta. Un piatto insomma davvero semplice da preparare e molto polivalente, perfetto per un menù di magro come quello della vigilia di Natale ma anche per una cena veloce infrasettimanale.

NB: se cerchi idee per cucinare l’orata, dai un’occhiata anche alla ricetta dell’orata al forno con patate e a quella dell’orata alla griglia.

Come si prepara l’orata all’acqua pazza

Iscriviti al mio canale Youtube
Orata all'acqua pazza
5 da 1 voto
Stampa

Orata all’acqua pazza

Una ricetta di pesce semplice e veloce da preparare con origini partenopee e sapori decisamente mediterranei.
Piatto Secondi
Cucina Italiana
Keyword orata, pesce
Preparazione 10 minuti
Cottura 15 minuti
Tempo totale 25 minuti
Porzioni 2
Calorie 400 kcal
Autore Gianni Polesello (https://www.mangiabevigodi.it)

Ingredienti

  • 2 orate
  • 300 g pomodorini
  • 2 spicchi spicchi aglio
  • 1/2 bicchiere vino bianco
  • 1/2 bicchiere acqua
  • 1 mazzetto prezzemolo
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Istruzioni

  1. Soffriggere l’aglio e tagliare i pomodorini a metà.
    Preparazione orata all'acqua pazza
  2. Unire i pomodorini al soffritto e tritare grossolanamente il prezzemolo.
    Tritare il prezzemolo
  3. Unire le orate ai pomodorini e aggiungere mezzo bicchiere di vino, mezzo bicchiere d’acqua, prezzemolo, sale e pepe. Cuocere con coperchio a fiamma bassa per circa 15 minuti.
    Cottura orata all'acqua pazza
  4. Terminata la cottura trasferire le orate nei piatti, aggiungere i pomodorini e qualche cucchiaio del fondo di cottura, infine cospargere i pesci con una manciata di prezzemolo fresco.
    Orata all'acqua pazza

Video ricetta


Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. Michele ha detto:

    5 stars
    E’ un piatto semplice, veloce e gustoso! La cosa più difficoltosa è squamare il pesce.
    Ho scelto di aggiungere qualche cappero riducendo di conseguenza la dose di sale.
    Consiglio di tenere pronta qualche fetta di pane perchè è sublime tocciare il fondo di cottura.
    Anzi… il fondo di cottura era talmente abbondante che l’ho riciclato il giorno dopo saltato con gli spaghetti!
    Grazie 1000!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valutazione ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.