Trota in padella al limone

La trota in padella al limone è uno sfizioso secondo di pesce facilissimo da preparare e pronto in pochi minuti. Vai subito alla ricetta e alla videoricetta oppure continua la lettura per la presentazione del piatto!

Trota in padella al limone

LINK SPONSORIZZATI

NB: mi piace dialogare con i miei lettori. Usa i commenti per dirmi che ne pensi della ricetta e, se ti è piaciuta, non dimenticare di condividerla nei social (trovi gli appositi pulsanti di condivisione in fondo all’articolo). Se poi vuoi darmi un grande aiuto, contribuisci a far crescere il sito seguendo il mio canale Youtube!

Presentazione

Trota in padella al limone

Il pesce è uno dei pilastri fondamentali della mia alimentazione. Fino a pochi anni fa preparavo spessissimo crostacei oppure pesci interi al forno (vedi trota al forno) o alla griglia (vedi orata alla griglia). Dallo svezzamento della piccolina tuttavia le esigenze sono cambiate. Con una bimba ancora molto piccola era diventato laborioso cucinare un filetto senza lische per lei e pesci interi per mamma e papà. Così i filetti, che prima snobbavo, sono ora una parte importante della mia dieta settimanale. Solitamente compro un filetto di grandi dimensioni e lo mangia tutta la famiglia.

LINK SPONSORIZZATI

Mangiando pesce molte volte alla settimana, è importante evitare di acquistare quelle specie che possano contenere quantità importanti di mercurio. Il pesce di allevamento (se l’allevamento è di qualità) è una garanzia da questo punto di vista perché ha un’alimentazione, seppure artificiale, molto controllata. Tra i pesci di allevamento la trota è una scelta particolarmente valida. La trota infatti non sopravvive in acque inquinate e gli impianti di acquacoltura dai quali arrivano le trote vendute nelle nostre pescherie sono italiani (qui in Veneto, ma anche in Friuli ce ne sono parecchi). Tra un filetto di persico (cresciuto in acque probabilmente inquinate) che arriva sui banchi della pescheria dopo 10 o più giorni da quando è stato pescato e un filetto di trota allevato tra i nostri monti e sfilettato poco prima della vendita io non ho dubbi su cosa acquistare.

Ad ogni modo la trota in padella di oggi è molto versatile e piace a tutta la famiglia compresi i bambini (alla mia bimba piace moltissimo). Può essere servita come secondo di pesce a una cena formale o in occasione di una ricorrenza come un pranzo di Natale o una cena di Capodanno o ancora una cenetta romantica. Bisogna avere l’accortezza prima della cottura di rimuovere le lische con una pinzetta apposita. Si tratta di un’operazione molto semplice perché sono sempre localizzate in una linea immaginaria che passa longitudinalmente poco sopra il centro del filetto. La cottura è davvero facilissima (vedi video). L’unica accortezza che sono solito adottare è quella di utilizzare un cucchiaino di maizena a fine cottura per addensare il fondo di cottura al limone e farlo aderire più facilmente alle carni del pesce. Se non hai, o non vuoi usare, la maizena ad ogni modo puoi tranquillamente ometterla.

Come cucinare la trota in padella

Iscriviti al mio canale Youtube
Trota in padella al limone
5 da 5 voti
Stampa

Trota in padella al limone

Un secondo piatto di pesce semplice, sano e saporito, che si prepara molto velocemente.
Piatto Secondi
Cucina Italiana
Keyword limone, pesce, trota
Preparazione 5 minuti
Cottura 10 minuti
Tempo totale 15 minuti
Porzioni 2
Calorie 350 kcal
Autore Gianni Polesello (https://www.mangiabevigodi.it)

LINK SPONSORIZZATI

Ingredienti

  • 1 filetto di trota
  • 1 spicchio aglio
  • 1 limone
  • 1 cucchiaio rosmarino secco
  • 1 cucchiaio maizena
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • sale q.b.

Istruzioni

LINK SPONSORIZZATI

  1. Soffriggere uno spicchio d’aglio tagliato a metà. Nel frattempo rimuovere le lische dal filetto di trota e porzionarlo in tranci di dimensioni facilmente “gestibili” nella padella.
    Soffriggere aglio e porzionare il filetto di trota
  2. Rimuovere l’aglio dalla padella e porre i trancetti di trota a rosolare dal lato della pelle. Il tempo di cottura indicativamente è di circa 4-5 minuti per lato.
    Cottura trota in padella
  3. Tagliare a metà un limone e spremerne il succo.
    Spremere il succo del limone
  4. Aggiungere un cucchiaino di rosmarino, la buccia grattugiata di mezzo limone e il succo spremuto in precedenza. Girare i filetti e cuocerli dall’altro lato per altri 4-5 minuti.
    Cottura filetto di trota in padella
  5. Non appena i filetti sono cotti aggiungere un cucchiaino di maizena preventivamente mescolato con olio extravergine di oliva (non devono esserci grumi). Il fondo di cottura e il limone non ancora evaporato si addenseranno in pochi secondi.
    Aggiungere maizena
  6. Trasferire la trota nei piatti.

    Trasferire i tranci di trota nei piatti
  7. Servire la pietanza accompagnandola con un contorno di verdure.
    Trota in padella al limone

LINK SPONSORIZZATI

Video ricetta

Domande frequenti

Che differenza c’è tra trota e trota salmonata?

Non c’è nessuna differenza se non di colorazione. Il termine salmonata è prettamente commerciale in quanto la colorazione deriva dai mangimi che sono arricchiti da carotenoidi (pigmenti vegetali assolutamente naturali). Se i mangimi non fossero arricchiti da carotenoidi le carni della trota sarebbero bianche.

Quante calorie ha un filetto di trota salmonata?

Intorno alle 130-150 kcal per 100 g. Dipende molto da come è stata allevata. Le trote allevate sono normalmente più grasse di quelle cresciute libere. Tuttavia anche tra gli esemplari di allevamento c’è una certa variabilità dovuta all’alimentazione che è stata fornita al pesce quando era in vita.

Quanto pesa un filetto di trota?

Dipende, le pezzature più commerciali vanno dai 150 grammi al kg. Il filetto di trota che ho cucinato in questa ricetta pesava circa 600 g.

Quanto pesa in media una trota salmonata?

Dipende, le pezzature più commerciali variano tra i 300 grammi e i 5 kg (in quest’ultimo caso sono solitamente vendute già sfilettate). Alcuni esemplari possono comunque tranquillamente arrivare a più di 10 kg.

Potrebbero interessarti anche...

6 risposte

  1. Matilde ha detto:

    5 stars
    Ricettina davvero sfiziosa. Molto interesante anche quello che spieghi sugli allevamenti di trote. Grazie!

  2. Fabrizio Gibin ha detto:

    5 stars
    Bella ricetta, basica, ma arricchita di particolari interessanti.
    Complimenti per l’esposizione chiara e efficace.

  3. Roberto Rinaldi ha detto:

    5 stars
    Grazie mille per i “piccoli” accorgimenti che lo rendono più piacevole ed anche per quelli di allevamento, tanti saluti ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valutazione ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.