Frittata con i bruscandoli. La fortaia perfetta per la festa di San Marco

La fortaia (frittata) coi bruscandoli è un piatto regionale veneto che si mangia solitamente in occasione della festa di San Marco.

Bruscandoli, uova e cipolla

Bruscandoli, uova e cipolla sono gli ingredienti base di questa frittata

Santi, scampagnate e frittate

La festa di San Marco nei territori che hanno vissuto sotto il dominio della Serenissima è sempre stata una festa molto sentita. Il Santo viene ricordato particolarmente il 25 aprile (data del martirio) e il 31 gennaio (data dell’arrivo delle reliquie a venezia sotto il dogato di Giustiniano Partecipazio).

Tradizione vuole che il 25 aprile si festeggi il Santo con una scampagnata. In tale occasione si organizzano picnic lungo le rive dei fiumi (il Piave nel nostro caso) o nei campi e si mangia la fortaia (frittata).

La frittata coi bruscandoli è la frittata in assoluto più tradizionale per questa ricorrenza. Dobbiamo infatti pensare all’origine della festa (VIII secolo). All’epoca la gran parte della popolazione era povera e si arrangiava con quello che trovava. Di solito uova e germogli di luppolo selvatico che le persone raccoglievano nel percorso verso il picnic. Chi poteva arricchiva il pasto con salumi e formaggi.

In ogni caso, per tutti (ricchi e poveri), l’importante era trascorrere questa ricorrenza primaverile all’aperto.

Nota: se vi piacciono questi germogli spontanei, non dimenticate di assaggiarli nel risotto con i bruscandoli.

Soffriggere in padella la cipolla con i germogli di luppolo selvatico

Frittata di uova e bruscandoli in padella

Frittata con bruscandoli nel piatto

Bruscandoli, uova e cipolla
Stampa

Fortaia coi bruscandoli (frittata con i bruscandoli)

La fortaia coi bruscandoli è il piatto regionale veneto per eccellenza per festeggiare la ricorrenza del 25 aprile.

Piatto Secondi
Cucina Italiana
Preparazione 10 minuti
Cottura 10 minuti
Tempo totale 20 minuti
Porzioni 2
Calorie 330 kcal

Ingredienti

  • 5 uova
  • 1 mazzetto bruscandoli
  • 1 cipolla
  • 20 g parmigiano
  • 2 cucchiai olio
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Istruzioni

  1. Lavare i bruscandoli e tagliarne le punte (che saranno quelle che utilizzeremo per la frittata).

  2. Tritare finemente una cipolla.

  3. Sbattere le uova con il parmigiano, un pizzico di sale e un pizzico di pepe.

  4. In una padella antiaderente soffriggere la cipolla con un paio di cucchiaio di olio. Dopo qualche minuto aggiungere le punte dei bruscandoli precedentemente tagliati. Mettere il coperchio alla padella e stufare 5 minuti a fiamma bassa.

  5. Versare nella padella le uova precedentemente sbattute. Coprire col coperchio e cuocere a fuoco medio-basso fino a che la parte superiore della frittata non si sarà rappresa.

  6. Girare la frittata (eventualmente aiutandosi con il coperchio) e cuocere ancora 2-3 minuti (senza coperchio).

  7. Tagliare la frittata direttamente in pentola con una spatola di legno e servire accompagnandola con salumi affettati al momento.

Note

Trattandosi di un piatto tradizionale veneto consiglio di abbinarci un vino locale. Un Raboso Piave per accompagnare un picnic sul Piave è l'ideale.


Se ti è piaciuta questa ricetta non dimenticare di condividerla e di mettere un like alla pagina facebook del blog. Aiuterai questo sito a crescere e darai uno stimolo all’autore per continuare a migliorarsi.

Salva

Salva

Salva

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *