Pasta al pesto di pomodori secchi, mandorle e pecorino

Questo saporito primo piatto è una valida alternativa alla tradizionale pasta al pesto alla genovese e si prepara in pochi minuti.

I pomodori secchi donano al pesto una nota dolce che crea un delizioso contrasto con l’aroma piccante del pecorino,  la granulosità delle mandorle tritate ed il sapore deciso dell’olio extravergine pugliese.

Note:

  • Se sei capitato in questa pagina cercando un’alternativa al classico pesto ligure, potrebbe interessarti anche questo pesto di zucchine e pistacchi.
  • Prima di andare alla ricetta non dimenticare di mettere un like alla pagina facebook del blog. Aiuterai questo sito a crescere e darai uno stimolo all’autore per continuare a migliorarsi.

Pasta al pesto di pomodori secchi mandorle pecorino

Pasta al pesto di pomodori secchi mandorle pecorino

Pasta al pesto di pomodori secchi mandorle pecorino

Stampa

Pasta al pesto di pomodori secchi, mandorle e pecorino

Piatto Primi
Cucina Italiana
Preparazione 10 minuti
Cottura 10 minuti
Tempo totale 20 minuti
Porzioni 2

Ingredienti

  • 200 g pasta
  • 10 pomodori secchi
  • 50 g pecorino
  • 25 g mandorle
  • 2 cucchiai prezzemolo tritato
  • 4-5 cucchiai olio evo

Istruzioni

  1. Portare a bollore l'acqua della pasta e salalarla. Prima di gettare la pasta sbollentare un minuto i pomodori secchi.

  2. Scolare i pomodori precedentemente sbollentati e metterli nel frullatore insieme al pecorino, alle mandorle, 2 cucchiai abbondanti di prezzemolo tritato e 4-5 cucchiai di olio evo. Frullare il tutto.

  3. Trasferire il trito in una padella e, non appena mancano un paio di minuti al termine della cottura della pasta, aggiungervi un mestolo di acqua di cottura.

  4. Scolare la pasta e spadellarla 1-2 minuti insieme al pesto.

  5. Impiattare e servire.

Note

Preferisco sbollentare 1 minuto i pomodorini prima di tritarli sia per renderli più teneri sia per "sterilizzarli" (non conoscendo come vengono manipolati dall'azienda produttrice preferisco prevenire e non utilizzarli a crudo).

L'acqua di cottura della pasta è ricca di amido che si lega al sugo consentendoci di renderlo cremoso senza esagerare con l'olio.

Salva

Salva

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *