Seppie alla piastra (o alla griglia) tenerissime

Hai preparato le seppie alla piastra (o alla griglia) ma erano dure e/o gommose? La prossima volta leggi questa ricetta e vedrai che risulteranno morbidissime e squisite.

Seppie alla piastra (o griglia)

Vai subito alla ricetta oppure continua la lettura per la presentazione del piatto e per alcuni trucchi e consigli sulla cottura!

NB: la tua opinione è molto importante per me! Usa i commenti per dirmi che ne pensi della ricetta e, se ti è piaciuta, non dimenticare di condividerla nei social (trovi gli appositi pulsanti di condivisione in fondo all’articolo).

Presentazione del piatto

Cottura seppie, calamari e salmone alla griglia su grill ventilato da balcone Florabest
Molto spesso sono solito cuocere le seppie alla griglia sul balcone di casa con un grill a carbone ventilato Florabest (un prodotto simile al più costoso e famoso Lotus Grill). In questo caso assieme alle seppie ho cucinato anche calamari e salmone.

Le seppie alla griglia, al pari dei calamari alla griglia, sono un secondo piatto di pesce che preparo quasi tutte le settimane. Le seppie (Sepia officinalis) sono molluschi le cui carni sono ipocaloriche (solo 72 kcal per 100 g) e ricche di proteine ad alto valore biologico. Uno dei modi migliori per valorizzare queste ottime caratteristiche nutrizionali consiste nel cuocerle sopra una piastra di ghisa (o sopra una griglia). Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la cottura di questi molluschi è davvero facile e veloce. Molte persone tuttavia non sono a loro agio nella preparazione delle seppie alla griglia in quanto se si sbaglia la cottura le stesse risulteranno dure e/o gommose.

Seppie alla griglia: trucchi e consigli di cottura

Seppie alla piastra

Ecco 3 semplici trucchi/consigli che devi assolutamente tenere a mente prima di accingerti a cucinare le seppie:

  • le seppie vanno cotte molto brevemente oppure molto a lungo. Con le mezze misure si ottengono risultati disastrosi. Se le cucini su una piastra o su una griglia non devi superare i 5 minuti totali di cottura altrimenti diventano dure. Questi molluschi vanno cotti a lungo solamente nelle ricette in umido o nelle zuppe;
  • il processo di congelamento e successivo scongelamento intenerisce notevolmente le carni. Se hai comprato seppie fresche per recuperare il sacchetto del nero sappi che se (dopo averle pulite) le congeli e successivamente le scongeli sarà molto più semplice ottenere carni tenere. Se invece non hai necessità di recuperare l’inchiostro, o se non le hai pescate tu stesso, conviene il più delle volte comprare le seppie decongelate. Queste ultime, fra l’altro, sono vendute già quasi interamente pulite (rimane solamente il rostro da rimuovere);
  • il processo di cottura deve essere violento. Se non si usa un barbecue, ma si dispone solamente di un fornello di casa, conviene utilizzare una piastra di ghisa. Le piastre in ghisa trattengono infatti molto bene il calore e sono l’ideale per la cottura di seppie e calamari. Personalmente preferisco quelle smaltate in quanto sono facili da pulire e non temono la ruggine. Per capirci, io utilizzo questa sul fornello centrale del gas (quello più potente) e devo dire che la adoro. Fra l’altro, dispone di un lato liscio e uno grigliato, abbiamo quindi due piastre al prezzo di una!

Come preparare le seppie alla piastra

Segui Mangia Bevi Godi su Pinterest

Seppie alla piastra (o griglia)

Un secondo piatto di pesce ipocalorico e veloce da preparare. Seguendo le indicazioni riportate in questa ricetta otterrai seppie tenere e non dure e/o gommose.
Piatto Secondi
Cucina Italiana
Keyword antipasti di pesce, molluschi, secondi di pesce, seppie, seppie alla griglia, seppie alla piastra
Preparazione 5 minuti
Cottura 5 minuti
Tempo totale 10 minuti
Porzioni 2
Calorie 400 kcal
Autore Gianni Polesello (www.mangiabevigodi.it)

Ingredienti

  • 14 seppie decongelate
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • olio di semi q.b.
  • 1 spicchio aglio
  • 2-3 cucchiai prezzemolo tritato

Istruzioni

  1. Pulire le seppie. Se hai acquistato seppie decongelate l’operazione è molto semplice e si tratta solamente di individuare e rimuovere il rostro che si trova in mezzo ai tentacoli.
    Togliere il rostro alle seppie decongelate
  2. Togliere il becco delle seppie effettuando una discreta pressione “da dietro” fino a farlo uscire interamente.
    Togliere il becco alle seppie decongelate
  3. Prepare un’emulsione a base di olio extravergine di oliva, uno spicchio d’aglio spremuto e qualche cucchiaio di prezzemolo tritato.
    Emulsione di aglio, olio e prezzemolo
  4. Scaldare e ungere una piastra di ghisa con olio di semi. Non appena la piastra è caldissima disporvi sopra le seppie con l’apertura (dove prima si trovava l’ossverso il basso. In questo modo l’acqua eventualmente rimasta dal lavaggio finirà sulla piastra ed evaporerà all’istante senza lessare le carni. Se anzichè una piastra di ghisa si utilizza una griglia del barbecue il procedimento rimane lo stesso. A differenza dei calamari i tentacoli delle seppie hanno dimensioni più contenute e non si attaccano particolarmente ai tondini della griglia.
    Cottura seppie su piastra di ghisa
  5. Trascorsi circa 2 minuti girare le seppie sulla piastra (o griglia). Versare quindi sopra le stesse qualche cucchiaino dell’emulsione di olio, aglio e prezzemolo precedentemente preparata. Cuocere così per altri 2-3 minuti.
    Seppie alla piastra
  6. Trasferire nei piatti e servire!
    Seppie alla piastra

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.