Cosce di pollo alla birra – Una ricetta dal sapore nordico

Le cosce di pollo alla birra sono un delizioso e sostanzioso secondo piatto di carne, perfetto per gli irriducibili cultori del malto e del luppolo.

Cosce di pollo alla birra

A casa nostra i polli interi non si vedono troppo spesso. C’è infatti troppa carne per una famiglia di sole 2 persone. Il più delle volte ripieghiamo perciò sul pollo a pezzi. E’ una scelta furba: cosce, alette e sovracosce di pollo sono economiche, saporite e sicuramente meno impegnative da cucinare rispetto al pollo intero. Le sovracosce di pollo al forno ad esempio si preparano in pochi minuti e nel giro di un’ora le avete nel piatto. Cucinare pezzi di carne col medesimo tempo di cottura inoltre rende più semplice l’esecuzione della ricetta. Non c’è più il problema del petto di pollo stopposo e stracotto mentre le cosce sono rimaste rosate vicino all’osso.

Ma torniamo alle cosce di pollo alla birra: sono un secondo piatto molto semplice da preparare che spesso però viene “sbagliato”. Prendiamo ad esempio la scelta della birra da utilizzare. Questa bevanda alcolica a base di malto d’orzo e luppolo ha caratteristiche organolettiche estremamente variabili. Pensate a quanto sia diversa una Tuburg da una Chimay. Il tipo di birra è tutto in questo piatto! Come fare quindi per preparare la “ricetta perfetta” con così tante variabili in gioco? Semplice, bisogna curare 3 punti fondamentali:

  • Corretta rosolatura della carne per favorire il più possibile le reazioni di Maillard che donano sapore alla carne.
  • Scegliere correttamente la birra per evitare uno sgradevole retrogusto amaro nel piatto. L’ideale è un’onesta birra belga.
  • Addensare il sughetto al punto giusto usando un roux.

Fate attenzione a questi tre aspetti e vi assicuro che otterrete un ottimo risultato!

Nelle righe seguenti darò qualche consiglio sulla scelta della birra da utilizzare. Se siete già ferrati sull’argomento potete saltare direttamente a fondo pagina per la ricetta.

Se invece siete capitati in questa pagina cercando idee per cucinare le cosce o le sovracosce di pollo, potreste trovare utili anche queste ricette:

Che birra usare per le cosce di pollo alla birra?

Avete presente il brasato al barolo? Quel piatto in cui tutti dicono di usare il barolo, ma in realtà usano altri vini. Il problema in quel caso è il costo. Una trentina di euro di carne, una trentina di euro di barolo… diventa costosetto il pranzo della domenica! E’ normale che si cerchino alternative!

Con il pollo alla birra non avete scuse. I fusi di pollo sono molto economici, qualche euro per una birra di qualità potete anche spenderli! Ecco qualche consiglio:

  • Evitate le birre che hanno mais (granturco) tra gli ingredienti. Si tratta di un’alternativa economica al malto d’orzo ed è indice di una qualità di prodotto più bassa.
  • Scegliete birre non troppo acide. Potete orientarvi tra le birre ambrate ad alta fermentazione e medio/alta gradazione alcolica. Dovreste avere fortuna cercando tra le birre belghe (tipo una Leffe Brune, o una Chimay rossa) o tra le brown ale inglesi. Volendo un buonissimo rapporto qualità prezzo potrebbe fare al caso vostro una Leute Bokbier commercializzata da LIDL. In ogni caso evitate le stout come la Guiness o la gran parte delle lager chiare, leggere e beverine. Conferirebbero al sughetto uno sgradevole retrogusto amaro.
  • Dovete assaggiare! In cucina bisogna essere curiosi. Non è necessario studiare per diventare Mastro Birraio, semplicemente quando andate al supermercato compratevi 3-4 birre di marche diverse e prendetevi il tempo per gustarle. Amplierete i vostri orizzonti e vi farete un’idea di cosa la grande distribuzione offre di buono. Col tempo imparerete a riconoscerle e ad abbinarle in base al piatto. Tenete in ogni caso a mente che per questa ricetta avete bisogno di una birra amabile, corposa e tendente al “dolce”; una birra dove il luppolo (la componente amara) non la fa da padrone. Assaggiatene un po’ e fate la vostra scelta.
  • Tenete in frigo la birra per voi e a temperatura ambiente la birra per il pollo. Mai aggiungere liquidi freddi alla carne in cottura!
Preparazione cosce di pollo alla birra

Step 1 – Rosolare le cosce e soffriggere la cipolla separatamente. Questo consentirà di scottare la carne ad alta temperatura senza bruciare la cipolla.

Rosolare le cosce di pollo

Non preoccupatevi se le cosce inizialmente si attaccano alla pentola. Non appena inizieranno a brunirsi si staccheranno facilmente. Il fondo di cottura attaccato alla pentola sarà quello che darà sapore al sughetto.

Aggiungere la birra alle cosce di pollo

Step 2 – Aggiungere la birra e deglassare il fondo di cottura.

Preparazione roux bruno

Step 3 – Preparare un roux che userete per addensare il sughetto alla birra.

Cosce di pollo alla birra con contorno di patate

Le patate arrosto sono il contorno ideale per questo piatto.

 

Cosce di pollo alla birra
Stampa

Cosce di pollo alla birra

Un delizioso secondo piatto di carne aromatizzato  da un intingolo a base di birra amabile.

Piatto Secondi
Cucina Italiana
Preparazione 10 minuti
Cottura 1 ora
Tempo totale 1 ora 10 minuti

Ingredienti

  • 8 cosce di pollo
  • 33 cl birra belga o brown ale (amabili/abboccate)
  • 1 cipolla
  • burro chiarificato q.b.
  • farina q.b.
  • sale q.b.

Istruzioni

  1. Tirare fuori dal frigo i fusi di pollo 30 minuti prima della preparazione.

  2. Rosolare in una casseruola con poco burro chiarificato le cosce. Nella fase di rosolatura è importante non usare il coperchio nella pentola (potete impiegare una retina paraschizzi) e regolare in posizione medio-alta la fiamma del fornello.

  3. In un'altra pentola soffriggere un trito di cipolla in poco burro chiarificato.

  4. Una volta rosolate le cosce di pollo, deglassare il fondo di cottura aggiungendo la birra a temperatura ambiente nella casseruola. Con una spatola di legno raschiare il fondo della pentola. Unire la cipolla soffritta. Mettere il coperchio alla casseruola e continuare la cottura a fiamma bassa. Controllare saltuariamente la cottura per verificare che il fondo di cottura non si asciughi troppo.

  5. In un pentolino preparare un roux bruno ponendo a scaldare 15 grammi di burro chiarificato. Appena caldo aggiungere 15 grammi di farina. Cuocere la farina nel burro tenendo ben mescolato fino a che non si ottiene una salsa bruna priva di grumi. Mettere da parte.

  6. Dopo 40-60 minuti di cottura le cosce saranno cotte ma sarà rimasto un fondo di cottura a base di birra che bisogna addensare. Togliere le cosce dalla casseruola e aggiungere al sughetto il roux bruno precedentemente preparato. Mescolare qualche minuto a fiamma bassa per addensare il tutto (e per far sparire il sapore di farina residuo).

  7. Trasferire nuovamente le coscette di pollo nella casseruola con il sughetto. Mescolare per insaporirle. Impiattare e servire. Buon appetito!

Note

  • Il Belgio è uno dei maggiori produttori mondiali di birra e le birre ivi prodotte sono tra le più straordinarie disponibili sul mercato. Non stupisce che la birra belga nel 2016 sia stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.
  • In questa ricetta non ho usato burro comune. Scopri a cosa serve il burro chiarificato in questa guida.

Curiosità

  • Le birre belghe piacciono sempre di più agli italiani e, nel momento in cui sto scrivendo questo articolo, a Torino è appena iniziato il primo Belgian Beer Festival (Tripel B Fest). Tre giorni all’insegna della gastronomia e delle degustazioni in compagnia di autentici Mastri Birrai. C’è da sperare che sia il primo di una serie di eventi del genere!
  • Una birra sicuramente inadatta per questa ricetta è la Make Earth Great Again, amara come il voler ignorare i cambiamenti climatici! Questa birra, prodotta artigianalmente dal birrificio BrewDog di Shoreditch, è infatti realizzata utilizzando l’acqua proveniente dalle nuvole e dal ghiaccio dell’Artide. Si tratta di una birra di protesta contro il cambiamento climatico ed è fermentata ad una temperatura più alta del normale a simboleggiare il riscaldamento globale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *