Risotto con asparagi (in pentola a pressione)

Il risotto con asparagi è un primo piatto tipico della stagione primaverile. E’ ottimo sia preparato con gli asparagi bianchi che con quelli verdi. Qui propongo la ricetta con cottura in pentola a pressione: perfetta per chi ha i minuti contati. Vai subito alla ricetta stampabile o continua la lettura per vedere le foto della preparazione.

Risotto con asparagi

Questo blog, o meglio il suo autore, ha origini trevigiane. In queste zone, ed in particolare a Cimadolmo, gli asparagi sono una delle eccellenze gastronomiche. E’ quindi normale che a primavera io ami prepararli in mille modi diversi. Il risotto con gli asparagi è uno dei piatti che valorizzano maggiormente quest’ortaggio. Personalmente, sono solito utilizzare per questa preparazione i turioni bianchi. Rispetto ai verdi hanno infatti un sapore più dolce, e meno fruttato, che ben si sposa con i risotti. Nella ricetta di oggi vi propongo la cottura in pentola a pressione: più breve ma che necessita di alcuni accorgimenti.

NB: se ti piacciono gli asparagi, non dimenticare di dare un’occhiata a questa ricetta e a quest’altra. Sono sicuro che ti stupiranno!

Come preparare il risotto agli asparagi in pentola a pressione

I risotti in pentola a pressione sono molto semplici e veloci da preparare, tuttavia è opportuno:

  • scegliere tipologie di riso adatte;
  • dosare molto bene l’acqua;
  • esercitare un ferreo controllo del tempo di cottura.

Si inizia facendo un soffritto come nei tradizionali risotti. Si aggiunge quindi il riso e lo si fa tostare qualche minuto. Io consiglio la varietà vialone nano perché:

  • regge bene la cottura;
  • non necessita di tostatura;
  • si sposa bene con i risotti all’onda (come quello di oggi).

Soffriggere la cipolla nella pentola a pressione

Si sfuma quindi con mezzo bicchiere di vino, si aggiungono gli asparagi tagliati a fettine sottili (privati degli ultimi 2-3 cm di punta) e si lascia cuocere 2-3 minuti mescolando spesso.

Preparazione risotto con gli asparagi

Si aggiunge il brodo caldo (o l’acqua con il dado). Per quel che riguarda le quantità, ogni pentola a pressione e ogni tipologia di riso fanno storia a se (dovrete fare delle prove). Se vi accontentate di un riso commerciale, tenete conto che per il vialone nano della Scotti io misuro 530-540 ml di acqua per 200 g di riso (per un risotto all’onda).

Preparazione risotto con asparagi in pentola a pressione

Dopo aver aggiunto l’acqua e mescolato bene, trasferiamo nella pentola anche le punte dei turioni che useremo come decorazione. Mettendole in superficie tutte insieme sarà facile toglierle dalla pentola, una volta cotto il riso, per utilizzarle come guarnizione.

Aggiungere le punte degli asparagi alla preparazione

Aggiungere le punte degli asparagi subito prima di chiudere il coperchio della pentola a pressione. Quando il riso sarà cotto potremo metterli da parte per guarnire i piatti.

Si chiude quindi il coperchio e, dal momento del fischio, si abbassa al minimo la fiamma e si fa partire il timer. Un riso commerciale come il vialone nano Scotti cuoce in 7 minuti spaccati a partire dal fischio. Trascorso il tempo di cottura si apre la pentola, si mettono da parte le punte degli asparagi, si spegne il gas e si fa la mantecatura come in un tradizionale risotto. Se utilizzate gli asparagi bianchi (più delicati), vi consiglio di utilizzare un formaggio più delicato rispetto al tradizionale parmigiano. L’ideale è lo stracchino; io ne utilizzo circa 70-80 grammi per mantecare 200 g di riso.

Mantecare il risotto agli asparagi con lo stracchino

Lo stracchino ha un sapore meno marcato rispetto al parmigiano e si sposa meglio con il gusto dolce e delicato degli asparagi bianchi.

Non vi resta quindi che impiattare guarnendo i piatti con le punte che avevate messo da parte.

Risotto con asparagi

Risotto con asparagi

La ricetta stampabile

Segui Mangia Bevi Godi su Pinterest

Risotto con gli asparagi

Un primo piatto con l'ortaggio, della famiglia delle Liliaceae, tipico della stagione primaverile.
Piatto Primi
Cucina Italiana
Preparazione 10 minuti
Cottura 10 minuti
Tempo totale 20 minuti
Porzioni 2
Autore Gianni Polesello

Ingredienti

  • 200 g riso vialone nano
  • 530 ml brodo (o acqua e dado)
  • 10 asparagi (di medie dimensioni)
  • 70 g stracchino
  • 1/2 cipolla rossa
  • 1/2 bicchiere vino
  • olio evo q.b.

Istruzioni

  1. Tritare molto finemente mezza cipolla rossa. Rimuovere con un pelapatate la parte più fibrosa degli asparagi, quindi lavarli. Tagliare le punte ai turioni e metterle da parte, quindi affettare a rondelle sottili il resto degli asparagi.
  2. Soffriggere nella pentola a pressione la cipolla in 2-3 cucchiai di olio extravergine di oliva.

  3. Aggiungere quindi il riso e tostare un paio di minuti. Sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco e aggiungere le rondelle di asparago precedentemente affettate. Cuocere fino a completa evaporazione dell'alcol contenuto nel vino.
  4. Versare quindi il brodo caldo (o acqua bollente e dado) nella pentola e mescolare. Aggiungere infine le punte degli asparagi e chiudere il coperchio. Non appena la pentola inizia a fischiare abbassare la fiamma al minimo e far partire il timer impostando 7 minuti.
  5. Trascorso il tempo di cottura, spegnere il fornello e sfiatare la pentola. Rimuovere le punte degli asparagi e metterle da parte. Aggiungere lo stracchino e mantecare il risotto mescolando energicamente fino a che il formaggio non si sarà completamente sciolto ed amalgamato al riso.
  6. Impiattare guarnendo i piatti con le punte dei turioni precedentemente messe da parte.

Note

Gli asparagi, grazie all'ottimo contenuto di acido folico, sali minerali (in particolare potassio) e vitamine fanno bene in gravidanza e contribuiscono ad uno sviluppo sano del feto. Inoltre, sebbene siano poveri di proteine (ma si compensa con lo stracchino usato nella mantecatura), gli asparagi sono un'ottima fonte di fibre (utili per combattere la stipsi) e hanno proprietà diuretiche, utili per combattere la ritenzione idrica. Insomma si tratta di un ortaggio davvero salutare, oltre che molto saporito.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.