Seppie in umido (TENERISSIME, GARANTITO AL 100%)

Preparare delle seppie in umido tenere è la cosa più semplice del mondo. Segui i miei suggerimenti e vedrai che non tornerai più indietro.

Seppie in umido

PUBBLICITÀ

Vai subito alla ricetta e alla videoricetta oppure continua la lettura per la presentazione del piatto e per alcuni trucchi per ottenere SEMPRE delle seppie morbide! Se poi hai ancora qualche dubbio, consulta le FAQ.

NB: mi piace dialogare con i miei lettori. Usa i commenti per dirmi che ne pensi della ricetta e, se ti è piaciuta, non dimenticare di condividerla nei social (trovi gli appositi pulsanti di condivisione in fondo all’articolo). Se poi vuoi darmi un grande aiuto, contribuisci a far crescere il sito seguendo il mio canale Youtube!

Presentazione

Seppie in umido

Le seppie in umido sono un secondo piatto di pesce declinato in vari modi nelle diverse cucine regionali italiane (in alcune regioni ad esempio si usa aggiungere i piselli alle seppie). Il piatto che presento qui è la preparazione tipica della cucina veneziana (sepe in umido) dove le seppie solitamente sono servite insieme alla polenta o sopra i crostini (in questo caso si parla di cicchetti con le seppie). 

Le seppie sono un mollusco molto presente nella cucina veneta. Esistono numerosissime ricette per prepararle e spesso si fa confusione. Le seppie al nero (sepe col tocio nero) ad esempio hanno una preparazione molto simile alla versione in umido dalla quale differisce essenzialmente per l’impiego dei sacchetti dell’inchiostro. 

Indipendentemente dalla ricetta base, la cosa fondamentale è il rispetto dell’ingrediente. Questi molluschi infatti hanno il brutto vizio di risultare duri o gommosi se cotti nel modo sbagliato.

Come cucinare le seppie e renderle tenere

Seppia gigante (impropriamente detta)

Tieni bene a mente queste 3 cose e le seppie dure o gommose saranno solo un lontano ricordo:

  • Più le seppie sono grandi, più è facile che siano tenere! Per le preparazioni in umido l’ideale sono quelle che molti chiamano impropriamente seppie giganti. Dico impropriamente perché la seppia gigante è quella australiana mentre quelle reperibili nelle nostre pescherie sono seppie comuni ma di taglia molto grande (intorno al kg di peso). Fatta questa premessa, per questa ricetta scegli i molluschi più grandi che trovi. Ciò non solo per ragioni di tenerezza, ma anche perché durante la cottura la materia prima calerà moltissimo. 
  • Il processo di congelamento e successivo scongelamento intenerisce molto le carni di questi molluschi. In altre parole, se vuoi andare sul sicuro, utilizza seppie decongelate.
  • Le seppie non amano le mezze misure. Se vuoi che restino tenere devi cucinarle molto brevemente (vedi ricetta delle seppie alla griglia) oppure molto a lungo. Fai una prova: mentre prepari il piatto assaggia le seppie dopo 20 minuti di cottura, poi dopo 40 minuti e infine dopo 50/60 minuti. Dopo 20 minuti avranno la consistenza di una gomma da cancellare. Dopo 40 minuti saranno mangiabili ma non proprio tenerissime. Dopo 50/60 minuti saranno perfette. Non vedere i tempi lunghi di cottura come un difetto. Se lasci sobbollire le seppie per un’oretta, oltre ad intenerire i molluschi, ne guadagnerai una salsa più ristretta e saporita.

Come preparare le seppie in umido

Seppie in umido (TENERISSIME, GARANTITO AL 100%)

Un secondo piatto di pesce tipico della cucina veneziana. Se segui queste indicazioni otterrai delle seppie morbidissime senza alcuno sforzo.
Piatto Secondi
Cucina Italiana
Keyword pesce, secondi di pesce, seppie, seppie in umido
Preparazione 10 minuti
Cottura 1 ora
Tempo totale 1 ora 10 minuti
Calorie 550 kcal
Autore Gianni Polesello (https://www.mangiabevigodi.it)

Ingredienti

  • 850 g seppie l’ideale è una sola seppia molto grande
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio aglio
  • 1 bicchiere vino bianco
  • 350 ml passata di pomodoro si possono impiegare anche pelati o pomodori freschi sbucciati
  • 2 cucchiai triplo concentrato di pomodoro
  • 3 cucchiai prezzemolo tritato
  • olio extravergine di oliva q.b.

PUBBLICITÀ

Istruzioni

  1. Tritare finemente una cipolla e farla soffriggere a fiamma moderata per 5-10 minuti insieme a uno spicchio d’aglio tagliato a metà.
    Soffritto di cipolla e aglio in casseruola
  2. Pulire le seppie, rimuovere il rostro, gli occhi e le parti più dure e tagliarle a pezzetti grossolani.
    Tagliare le seppie
  3. Unire le seppie al soffritto, alzare la fiamma e cuocere per una decina di minuti. Inizialmente verrà rilasciata molta acqua e i molluschi avranno un calo significativo di volume. Aggiungere il vino e lasciar evaporare l’alcol.
    Cottura seppie in casseruola
  4. Aggiungere la passata di pomodoro e il triplo concentrato. Mescolare e coprire la pentola. Cuocere per circa 50 minuti. Se il sugo si dovesse asciugare troppo aggiungere acqua al bisogno.
    Cottura seppie in umido
  5. Al termine della cottura aggiungere il prezzemolo tritato.
    Cottura seppia gigante in umido
  6. Trasferire nei piatti e servire unitamente a polenta o crostoni di pane tostato.
    Seppie in umido

Video ricetta

Domande frequenti

Perché le seppie erano dure e/o gommose?

Perchè le hai cotte troppo poco. La prossima volta cuocile più a lungo e assaggiale nei vari momenti della cottura. Ti accorgerai che più tempo passa più le seppie si ammorbidiranno. Se hai poco tempo cambia ricetta e prepara le seppie alla piastra o alla griglia.

Meglio seppie fresche o decongelate?

Il piatto può essere preparato con entrambe le tipologie di materia prima. Tieni comunque conto che è più facile ottenere seppie tenere utilizzando le seppie decongelate.

Come cucinare le seppie giganti?

Rimuovi rostro, occhi e parti più dure. Dopo averle pulite, tagliale a striscioline spesse circa 1 cm. Taglia quindi le striscioline in pezzetti lunghi circa 3-4 cm. Procedi quindi a cucinarle in umido come indicato nella ricetta sopra riportata.

Quante seppie a persona?

La dose standard è 400 g di seppie (crude e pulite) a persona.

Nelle seppie in umido si usa il sacchetto del nero?

No, il sacchetto del nero si utilizza in un’altra ricetta tipica della cucina veneziana (sepe col tocio nero) ma non nella ricetta originale delle seppie in umido. Puoi comunque metterlo da parte e utilizzarlo ad esempio per colorare l’impasto dei ravioli o della pizza, oppure impiegarlo per la preparazione di un risotto al nero di seppia.

Posso preparare questo piatto in anticipo e mangiarlo il giorno dopo?

Si, e come spesso avviene nelle preparazioni in umido, lo troverai anche più buono rispetto a quello consumato il giorno stesso della preparazione!

PUBBLICITÀ

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valutazione ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.